Carmen McRae, era una contemporanea di Ella Fitzgerald e Sarah Vaughan.

 Ella e Sarah erano già ben consolidate quando Carmen entrò in scena.

Non passò molto tempo prima che Carmen fosse considerata alla loro pari artistica, anche se non raggiunse mai la loro grande popolarità.

Non ha mai avuto un grande successo né ha mai ricevuto un Grammy.

Ella Fitzgerald e Sarah Vaughan hanno ispirato soggezione con la loro abilità vocale.

Ascoltando cantare Carmen le lacrime possono sgorgare sul viso, portarci ad avere un nodo in gola, ed è questo il suo talento.

Emozionarci con il suo modo di cantare e con le sue capacità di suonare il pianoforte.

Con il suo immenso lavoro musicale è riuscita a traghettare il canto jazz alla modernità proponendo una sua ideologia di cantante onesta e preparata che le ha fatto guadagnare la stima dei più grandi musicisti e di coloro che si avvicinano al jazz.

Un artista da considerare in quanto autenticità, incisività del linguaggio e fraseggio jazz, soprattutto nella reinterpretazione delle melodie che nell’ascoltatore rimangono esperienza indelebile per originalità.

Grande personalità interpretativa, il suo virtuosismo canoro non perde mai di vista la melodia e l’armonia.

Nata 8 aprile 1920 a New York è morta il 10 novembre 1994 nella sua casa di Beverly Hills, all’età di 74 anni.

Giovedì 29 giugno alle 20:45 su Radio Voce Camuna, a questo link, Jam Session con Daniela, lo spazio dedicato al jazz sarà un omaggio alla brava Carmen Mc Rae.

McRae-Day By Day

“Carmen McRae è indiscutibilmente una delle più grandi cantanti che l’idioma abbia mai prodotto.” – Will Friedwald, autore di Jazz Singing

 .“Mi ha sempre dato la sensazione di rispettare i testi almeno quanto la musica, e questo, credo, sia il segreto della sua forza: l’equilibrio che mantiene tra i due”. – Gene Lees, scrittore jazz, paroliere.

https://www.carmenmcrae.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *